LA BATTAGLIA DELL'AUTORITA'

Nuovo braccio di ferro fra ANAC e società in house, imposto l’obbligo di qualificarsi come stazioni appaltanti

L’Anticorruzione all’attacco delle società controllate da amministrazioni pubbliche considerate organismi di diritto pubblico: ora bisognerà vedere quale sarà la loro reazione, se il ricorso al giudice amministrativo o l’accettazione del percorso di qualificazione (per cui per altro molte hanno i requisiti). L’Autorità ha anche avviato nelle scorse settimane verifiche a campione più generali sui soggetti che autodichiarano di essere esclusi dall’obbligo di qualificazione richiedendo una documentazione integrativa – di Gabriella Sparano

Braccio di ferro tra l’ANAC e le società in house operanti nei settori speciali. Pomo della discordia, il sistema della qualificazione delle stazioni appaltanti di cui agli articoli 62 e 63 del codice 36.
Da un lato infatti, l’ANAC, nella FAQ n. 3, lo ritiene pienamente applicabile alle società in house anche se operanti nei settori speciali in quanto esse, a differenza delle imprese pubbliche e dei soggetti privati titolari di diritti esclusivi e/o speciali, rientrano nel novero delle amministrazioni aggiudicatrici (giusta previsione dell’articolo 28 della direttiva 2014/25/UE) e, di conseguenza, nella definizione di organismo di diritto pubblico.
Dall’altro lato, invece, le società in house respingono la loro equiparazione agli organismi di diritto pubblico, dei quali non ritengono di possedere tutti i requisiti che la norma richiede cumulativamente, e da cui  deriverebbero anche altre conseguenze ben più gravose del solo obbligo di qualificazione (ad esempio, l’impossibilità di adottare per il sotto-soglia i regolamenti di cui al comma 5 dell’articolo 50 del codice).
Nelle scorse settimane, intanto, l’ANAC, nell’ambito delle sue prerogative, ha avviato verifiche a campione su quanti, sul Servizio dedicato alla qualificazione, hanno selezionato l’opzione di esenzione
dall’applicazione del sistema, inviando loro una richiesta di integrazione documentale, mediante la
produzione nel termine di quindici giorni di documenti e informazioni utili a comprovare la loro effettiva riconducibilità alla categoria dei soggetti esclusi dall’obbligo di qualificazione, facendo discendere dal mancato riscontro la sospensione cautelativa del rilascio del CIG per gli appalti sopra soglia e l’avvio del procedimento sanzionatorio finalizzato all’irrogazione delle sanzioni previste dal codice.
In conseguenza di tale comunicazione, qualche società in house, pur nel fermo disaccordo con la posizione dell’ANAC, ha deciso di qualificarsi avendone peraltro tutti i requisiti, altre invece sono rimaste ferme nel respingere l’assioma “società in house=organismo di diritto pubblico”.
Con una ulteriore comunicazione, frattanto, l’ANAC, senza prevedere o consentire ulteriori contraddittori e volendo verosimilmente chiudere così la questione, ha invitato a correggere la domanda di qualificazione, dandone notizia all’ANAC medesima, ma senza fissarvi un termine.
Quale ulteriore scenario si profila ora?
Acquiescenza passiva all’ANAC (cui il codice attribuisce poteri di vigilanza e sanzionatorio) o ricorso al giudice amministrativo?

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Accedi per continuare nella lettura.

Non hai ancora un abbonamento?

Abbonati ora o richiedi la demo gratis per 10 giorni!

In archivio
COMMENTO
di Giorgio Santilli

Bisognerà leggere con attenzione il testo del condono dei piccoli abusi che piccoli e interni non sono se sono ammessi i balconi con verande vetrate (con foglia di fico della temporaneità), se si possono condonare con pagamento dell’oblazione interventi eseguiti in base a permesso annullato o senza parere paesaggistico, se la conformità doppia ora può avvenire curiosamente solo in riferimento al titolo originale. Interessante la prima riforma del TUE con l’allargamento dell’edilizia libera, le tolleranze al 5% e la liberalizzazione delle destinazioni d’uso…
OGGI IL CDM
Nel pre-consiglio di ieri si è discusso lo schema di decreto: tre articoli, il primo a imporre una riforma pesante del TUE e la regolarizzazione degli abusi pregressi. Soddisfazione generale dall’Ance e dagli Ingegneri (favorevoli a piccole sanatorie). Legacoop rimane sul piano casa presentato a novembre, architetti favorevoli alla risoluzione organica. Salta invece il salva-Milano, che entrerà nel decreto in conversione. Scenari Immobiliari e Abitare Co: le inchieste frenano investimenti per 38 miliardi – di Mauro Giansante
CONFINDUSTRIA
Con un’elezione di fatto all’unanimità, Orsini prende il timone dell’organizzazione degli industriali con un’agenda di ampio respiro che, tra i suoi pilastri, vede i temi del rilancio degli investimenti, dell’energia, del Sud e delle infrastrutture. C’è il tema caldo del Superbonus e propone un tavolo di lavoro per una soluzione che salvaguardi le imprese. Fondamentale per Orsini è il rispetto delle regole del gioco alla base del rapporto tra imprese e istituzioni. (Red.Diar.)
CONGIUNTURA
Rimane debole il settore delle costruzioni europeo. Dagli ultimi dati Eurostat emerge ancora una situazione di stagnazione. Nell’ultimo bollettino, la Bce vede ancora un’evoluzione incerta per gli investimenti nel settore dell’edilizia residenziale, dopo il calo del 2023. Per il mercato delle abitazioni in Italia, da un sondaggio congiunturale svolto da Bankitalia la domanda si conferma debole e fiacca resta anche l’offerta – di Red.Diar.
ECONOMIA INTERNAZIONALE
Il 2024 parte con un incremento minimo del prodotto interno lordo rispetto al precedente trimestre. Nel G7 tornano a crescere Regno Unito e Germania mentre Italia e Francia registrano un incremento dello 0,3% in linea con la zona euro. Dopo la forte contrazione del periodo precedente, riparte Israele che registra il valore più alto dell’area Ocse
INFRASTRUTTURE MOBILITA'
Prosegue il piano di elettrificazione di Autostrade per l’Italia. Le aree di servizio interessate dalle prime otto procedure competitive si trovano sei nel Centro-Sud e due nel Nord Italia. Nel 2024 al via gare per un totale di ulteriori cento aree di servizio per coprire l’intera rete Aspi: si aggiungeranno alle cento già realizzate.

RIGENERAZIONE URBANA
Al lavoro Rfi e Sistemi urbani: cabina di regia e tavolo tecnico svilupperanno la strategia da attuare per la realizzazione degli interventi di efficientamento del sistema dei trasporti ferroviari e stradali e di ricucitura degli spazi urbani della città. Come sottolinea il sindaco di Catania, verrà restituito alla città il rapporto con il mare negato da 160 dalla cintura ferroviaria