IL GRIDO DI ALLARME Di PATRIZIA POLENGHI PRESIDENTE DI CEAS

Il BIM è rivoluzione amministrativa, progettuale e costruttiva: non si può partire dal 2025 senza preparare le PA, alzare la soglia a 5 milioni

di Patrizia Polenghi
Una partenza generalizzata dal gennaio 2025 per tutti i progetti sopra il milione di euro non può funzionare, serve più tempo per diffondere l’innovazione e sfruttarne tutte le potenzialità. Per evitare rinvii che pure darebbero l’idea di una rinuncia meglio restringere il numero di progetti e le stazioni appaltanti obbligate a usarlo. L’evoluzione successiva sarà l’adozione della tecnologia Blockchain

A 13 mesi da quella che dovrebbe essere una vera e propria rivoluzione digitale, ossia l’adozione del BIM in tutte le gare sopra il milione di euro, ci troviamo a fare i conti, ancora una volta, con una corsa contro il tempo.

Prima di capire perché il settore non è ancora pronto per uno stravolgimento di questa portata, è bene comprendere che quando parliamo di BIM non parliamo solo di uno strumento, ma di un approccio alla digitalizzazione che interessa diversi aspetti, sui quali sono presenti non pochi punti interrogativi.

Digitalizzazione, strumenti e stato dell’arte

Parlando di digitalizzazione amministrativa, in primo luogo, intendiamo la gestione della fase di gara e di tutte le fasi di gestione del contratto attraverso strumenti digitali. Qui, la Pubblica Amministrazione si muove a differenti velocità: ci sono enti più efficienti che hanno una totale compliance alle aspettative della norma o che sono in un avanzato stato di evoluzione e quindi nell’arco di pochi mesi/anni raggiungeranno l’obiettivo. Ci sono, però, tante altre stazioni appaltanti che hanno minori risorse di personale o economiche che non sono e non saranno mai in grado di raggiungere un adeguato livello di digitalizzazione amministrativa.

* Patrizia Polenghi è Presidente del Cda di CEAS e rappresentante di OICE per la Lombardia

La norma e la prassi già da anni si muove nella direzione di ridurre il numero delle stazioni appaltanti andando verso un numero più piccolo e qualificato di Centrali di Committenza. Questa è la strada corretta da seguire, forse “allargando un poco le briglie” rispetto alla possibilità per le stazioni appaltanti “efficienti” di svolgere il ruolo di stazione appaltante delegata per amministrazioni più piccole o meno attrezzate.
Il passaggio successivo a questa scrematura, poi, sarà rappresentato dall’adozione di strumenti che permetteranno di accelerare definitivamente il processo di digitalizzazione.

Uno tra questi è sicuramente rappresentato dalla tecnologia Blockchain, che offre la possibilità di costruire registri distribuiti attraverso la raccolta di dati in blocchi, collegati secondo una sequenza temporale. In questo modo le informazioni archiviate, una volta immesse nel registro e validate, sono inalterabili perché ogni nuova informazione è indissolubilmente legata allo storico delle transazioni precedenti, impedendo quindi eventuali manipolazioni di dati.

La Pubblica Amministrazione non potrà che propendere per questa tecnologia, in quanto strumento che massimizza la tutela della stazione appaltante dalle frodi, accelera le procedure e riduce i contenziosi.

Con la Digitalizzazione Tecnica, invece, arriviamo a parlare di BIM. Qui la situazione è molto più differenziata.

I famosi Decreti Baratono (DM 560/2017 e DM 312/2021.) avevano strutturato un percorso per portare la digitalizzazione negli appalti pubblici in modo estensivo. Il nuovo codice (D.Lgs. 36/2023) ha di fatto rimandato tutto il tema della digitalizzazione obbligatoria al 2025 (per adesso), lasciando l’utilizzo del BIM come una prassi facoltativa in questo lasso di tempo.

Tuttavia, pur senza vincoli di obbligatorietà, in questi anni l’intero mondo delle società private di architettura e ingegneria è arrivato ad un adeguato livello di competenza e di utilizzo per le fasi di progettazione, con i progetti delle opere principali (ma anche di molte di taglio medio) che vengono redatti in modalità digitale.

Un elevato livello di maturità che potrebbe continuare a migliorare attraverso l’adozione di altri strumenti, sempre nella logica del BIM visto come un approccio a 360 gradi.

Tra questi, a livello organizzativo, l’adozione di Common Data Enviroment (CDE), potrebbe permettere un’importante evoluzione, garantendo la progettazione e lo sviluppo di servizi attraverso un flusso di dati continui durante tutto lo sviluppo del processo e consentendo l’integrazione degli aspetti principali del Project Management con tutto ciò che riguarda le attività operative.

Possedere e gestire un CDE, significa essere il “Gestore dell’Informazione “e al contempo “Gestore della Decisione”, significa quindi facilitare l’esercizio del ruolo che spetta al Committente, puntando al vero cambio di paradigma potenzialmente associato alla digitalizzazione.

Siamo già pronti per questo cambio di paradigma?

L’ingegneria è però pronta per la fase successiva, ovvero l’affidamento dei lavori, la realizzazione e la predisposizione di un modello digitale as-built?

Con ogni probabilità ancora no: stazioni appaltanti, imprese, direttori lavori, collaudatori attrezzati per lavorare nel mondo BIM sono rare eccezioni piuttosto che la prassi. Inoltre, essendo procedimenti che richiedono la collaborazione di più attori basta che uno di questi non sia “attrezzato” per mettere in crisi l’intero processo.

Nel contesto degli appalti pubblici, poi, ci rendiamo conto che siamo ancora più indietro. In primis troviamo un vero e proprio limite “culturale”: i Decreti Baratono definivano le scadenze, ma anche il metodo che gli Enti Pubblici dovevano applicare per arrivare all’obiettivo e l’art. 3 parlava di piani di formazione, piani di adeguamento delle attrezzature e programmi di adeguamento delle organizzazioni (il “famoso” atto organizzativo). Per arrivare quindi all’obiettivo si sarebbe dovuta muovere tutta l’organizzazione degli Enti Pubblici, cosa ovviamente molto complessa in organizzazioni lente e burocratizzate. Sono quindi state recepite le scadenze (facili da rendere obbligatorie) ma non gli strumenti per raggiungere l’obiettivo.

In questo contesto l’Amministrazione Pubblica, nella sua accezione generale, non è in grado di “pilotare” la digitalizzazione ma la può solo imporre in fase progettuale, che esternalizza totalmente.

L’adozione del BIM in tutte le gare pubbliche sopra il milione nel 2025

Per questi motivi, l’adozione a partire dal 1° gennaio 2025 del BIM per tutti gli appalti pubblici di importo superiore a 1 M€ risulta una indicazione eccessivamente severa, tanto da risultare praticamente irraggiungibile.

Tanto irraggiungibile che lo stesso Ministero starebbe valutando di mantenere la soglia temporale ma di alzare la soglia economica, ovvero applicarlo solo per opere di maggiore dimensione. Infatti, anche interventi di riqualificazione/ampliamento di edifici di dimensione molto ridotta (asili, piccoli uffici pubblici, sistemazioni superficiali di piccole piazze o brevi vie) superano con facilità l’importo di 1 M€ e, per quanto sopra descritto, ben difficilmente si arriverebbe a ottenere un “digital twin” da poter poi utilizzare per la fase di gestione dell’opera, ovvero quello che dovrebbe essere l’obiettivo per le Pubbliche Amministrazioni.

Visto il livello di attuazione del BIM ad oggi raggiunto da tutta la filiera, probabilmente occorre accontentarsi e, vista la scadenza a soli 14 mesi, limitarsi ad opere di taglio medio, ossia superiori alla soglia europea dei 5 M€.

In archivio
LA QUARTA REAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE
La piattaforma della Ragioneria doveva essere la punta di diamante della macchina del Piano e si sta rivelando una delle principali strozzature: procedure farraginose, eccesso di dati richiesti, lentezza nella trasmissione e nell’elaborazione. Ministero delle Infrastrutture fermo a 6.095 milioni, il 15% del totale. Sempre più paradossale il caso dei progetti comunali dell’Interno: spesi 2,7 miliardi su 8,9 assegnati: con il 30% il capitolo di spesa più avanzato (se si escludono il Superbonus del ministero dell’Ambiente e i crediti di imposta del ministero delle Imprese) – di Giorgio Santilli
POLITICHE ABITATIVE/1
Nella terza riunione al MIT con le associazioni sono stati organizzati i gruppi di lavoro che si riuniranno con cadenza settimanale. L’obiettivo è riscrivere il testo unico dell’edilizia per semplificare le procedure, ma anche individuare soluzioni per il finanziamento del nuovo housing sociale. Tra le possibilità un modello per partnership pubblico-private, sostegno dei piani da parte delle banche, incentivi fiscali per le rigenerazioni e gli affitti – di Deborah Appolloni
POLITICHE ABITATIVE/2
L’economista sociale, senior advisor di Redo Sgr, valuta il bando della regione Lombardia: “Va nella direzione giusta sostenendo l’offerta di case in affitto, anche se la dimensione appare limitata”. Mentre guardando alle proposte per il Piano Casa 2025: “Il periodo post-Superbonus e post-Pnrr sarà un periodo di “vacche magre”. Abbiamo bisogno di misure strutturali e di aumentare l’entità degli investimenti” – di Deborah Appolloni
I PREZZI AL CONSUMO
L’Istat conferma le stime preliminari sull’inflazione del mese di gennaio, con il leggero rimbalzo dello 0,3% su base mensile, che portano il valore su base annua dallo 0,6% allo 0,8%. L’accelerazione su base tendenziale
dell’inflazione è dovuta – afferma il comunicato dell’Istituto – soprattutto alla dinamica dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti e all’attenuarsi del calo dei prezzi dei prodotti energetici.
SVILUPPO NELLA CAPITALE
Se venissero messe in cantiere le esigenze di trasformazione e rigenerazione urbana che Roma richiede entro il 2050 verrebbe coinvolta un’area cittadina pari a 11 kmq di superficie territoriale, recuperando a usi più attuali oltre quattro milioni di metri quadrati di immobili. È quanto emerge dal Rapporto “Roma Regeneration Forum – Una visione per la città del futuro”, realizzato da Scenari
Immobiliari per Roma Regeneration Ets, partecipata da alcune Sgr, Fondazione Roma e Sistemi Urbani Fs.
SISTEMI ECOSOSTENIBILI
Il pagamento dei servizi ecosistemici tramite tariffe idriche e i sovracanoni dei Consorzi BIM (Bacini Imbriferi Montani) costituiscono meccanismi fondamentali per il mantenimento dell’equilibrio ambientale e lo sviluppo socioeconomico dei territori montani. Altra possibilità la perequazione territoriale. È quanto emerge dalla presentazione del Position Paper dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS) sul Goal 11 “Città e comunità sostenibili”, dal titolo “Il ruolo, la valorizzazione e il pagamento dei servizi ecosistemici”.
FONDO DI SVILUPPO E COESIONE
Nuove strade e recupero del patrimonio infrastrutturale esistente, riqualificazione edile, interventi per le risorse idriche, gestione dei rifiuti, mobilità urbana e logistica. Sono alcuni degli interventi prioritari dell’accordo per il fondo di sviluppo e coesione 2021-2027 firmato dalla presidente del Consiglio Giorgia Meloni e il presidente della Calabria, Roberto Occhiuto, alla presenza del ministro per gli Affari europei, le Politiche di coesione e il Pnrr, Raffaele Fitto.