INFRASTRUTTURE MONDO

Ocse: la resilienza climatica è priorità globale, servono investimenti per 6.900 miliardi di dollari annui e buone pratiche

Il rapporto “The Infrastructure for a Climate-resilient Future. Building resilience to natural disasters” raccomanda ai governi “di tenere sistematicamente conto della resilienza climatica nella pianificazione delle infrastrutture e nei processi decisionali, anche dando priorità ai progetti sostenibili, per contribuire a ridurre la vulnerabilità sociale ed economica ed evitare costi a lungo termine”. La stima del fabbisogno di Ocse, Banca Mondiale e Un Enviroment fino al 2030 per assicurare la compatibilità con i Sustainable Development Goal e l’accordo di Parigi. – Red.Diar.

Inondazioni, uragani, aumento delle ondate di calore, stagioni di incendi più lunghe e aree sempre più estese colpite dalla siccità: sono gli effetti nel 2023 delle temperature globali record di circa 1,4 gradi Celsius al di sopra delle medie preindustriali. Effetti dall’impatto dirompente che pongono sfide sempre più pressanti alle infrastrutture in tutti i settori, dall’elettricità alle comunicazioni, dai trasporti all’acqua al trattamento dei rifiuti, e soprattutto nei Paesi in via di sviluppo che sono i più colpiti da questi fenomeni. Per rispondere a queste sfide servono massicci investimenti e, insieme, buone pratiche dalla fase di progettazione  a quella di realizzazione per  rendere le infrastrutture più resilienti di fronte a questi eventi sempre più frequenti e intensi.
L’Ocse torna a puntare i riflettori su queste nuove urgenze ed emergenze e a porre la questione della resilienza climatica delle infrastrutture come una “priorità globale”. A rilanciarla è il rapporto appena pubblicato, dal titolo “The Infrastructure for a Climate-resilient Future. Building resilience to natural disasters”, che vuole rivolgere un messaggio forte ai governi raccomandando loro “di tenere sistematicamente conto della resilienza climatica nella pianificazione delle infrastrutture e nei processi decisionali, anche dando priorità ai progetti sostenibili, per contribuire a ridurre la vulnerabilità sociale ed economica ed evitare costi a lungo termine”. E, rileva l’organizzazione internazionale per la cooperazione e lo sviluppo economico, “le misure di resilienza climatica possono anche proteggere i rendimenti degli investimenti, garantire la continuità aziendale e sostenere con continuità la crescita e lo sviluppo economici”.

In occasione dell’ultima Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28), ricorda l’Ocse, i Paesi si sono impegnati ad aumentare la resilienza delle infrastrutture entro il 2030. Massiccia è la quantità di risorse necessarie per perseguire questo obiettivo. Ocse, Banca Mondiale e Un Enviroment stimano un fabbisogno di 6,9 trilioni di dollari di investimenti annuali al 2030 per assicurare che questi siano compatibili con i Sustainable Development Goals e l’Accordo  di Parigi. Parallelamente, i beni infrastrutturali costituiscono una quota importante dei danni economici, con le perdite dovute ai disastri che sono aumentate di sette volte tra gli anni ’70 e il 2010, passando da una media di 198 miliardi di dollari a 1.600 miliardi di dollari. Questo, a sua volta, moltiplica le perdite (ad esempio, il mancato guadagno) per le imprese le cui attività sono state interrotte.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Accedi per continuare nella lettura.

Non hai ancora un abbonamento?

Abbonati ora o richiedi la demo gratis per 10 giorni!

GS

In archivio
LA SENTENZA DEL TAR MARCHE
di Gabriella Sparano
Il Tribunale, richiamandosi alla giurisprudenza del Consiglio di Stato, afferma che “è sufficiente riscontrare la legittimità di una delle autonome ragioni giustificatrici della decisione amministrativa, al fine di rigettare l’intero ricorso, tenuto conto che, anche in caso di fondatezza degli ulteriori motivi di doglianza, il provvedimento amministrativo non potrebbe comunque essere annullato, in quanto sorretto da un’autonoma ragione giustificatrice confermata in sede giudiziale”.
I PARERI DEL MIT
di Gabriella Sparano
La nuova disciplina dà al principio un ruolo più pregnante. Il contraente uscente non può ottenere un nuovo contratto analogo a quello precedente (e neanche essere invitato alla gara) se non ricorrano le cause previste dal comma 4 dell’articolo 49 fra cui l’economicità non c’è. Il MIT dice: nessun rischio di danno erariale per violazione del principio di economicità.
LA SENTENZA 1494 DEL 16 LUGLIO
di Gabriella Sparano
Le tabelle con i corrispettivi professionali non vanno applicate in maniera rigida ed insuperabile, quanto piuttosto utilizzate quali punti di riferimento per la valutazione di congruità dell’offerta in un’ottica pro-concorrenziale, a prezzi competitivi. L’articolo 3, comma 3, della stessa legge 49 fa salve dalla sanzione della nullità le clausole che prevedono l’applicazione di compensi inferiori ai minimi tabellari in quanto riproduttive di disposizioni di legge tra cui rientrano le disposizioni comunitarie e nazionali in materia di contratti pubblici
INFRASTRUTTURE
Con la realizzazione di questa tratta il progetto complessivo raggiunge l’83% dei lavori. Una volta ultimati, la capacità sulla linea e i treni potranno viaggiare a una velocità massima di 160km/h, contro i 100km/h attuali che in alcune tratte oggi si riducono anche a 80-90km/h.
CONGIUNTURA
Frena la produzione industriale dell’eurozona che ad aprile torna con il segno negativo. Le stime preliminari diffuse da Eurostat mostrano una flessione congiunturale dello 0,1%, dopo l’aumento dello 0,5% a marzo, e ben più ampio è l’arretramento su base annua con -3% rispetto ad aprile 2023. Nell’intera Unione Europea la produzione industriale è aumentata dello 0,5% rispetto al mese di marzo e calata del 2% su base annua.  In Italia rispetto a marzo 2024 si è registrata una flessione dell’1% (dopo -0,5%) e del 2,9% rispetto ad aprile 2023 dopo il  -3,2%…
IL RAPPORTO
Il settore delle costruzioni tra Pnrr, bonus fiscali, tassi di interesse, capitale umano e sfide ESG resta il principale motore dell’economia italiana, nonostante cominci a mostrare i primi segnali di indebolimento dovuti a conflitti e tensioni geopolitiche. La fotografia è quella scattata dall’ultimo Report sul 2023 e sui primi mesi del 2024 della filiera delle costruzioni del Centro Studi Argenta Soa, società organismo di attestazione che certifica le aziende per la partecipazione alle gare pubbliche e inviato alle commissioni competenti di Camera e Senato – di Giusy Iorlano
SOSTENIBILITA'
Nel 2023, A2A ha generato valore per il territorio e per i suoi stakeholder pari a 1.224 milioni di euro, investendo inoltre più di 485 milioni nelle infrastrutture della provincia, con un incremento del 32% rispetto all’anno precedente. Sono i dati contenuti nell’ottava edizione del Bilancio di sostenibilità territoriale di Milano, che rendiconta le prestazioni ambientali, economiche e sociali di A2A sul territorio nel 2023 e i piani di attività previsti per i prossimi anni…